Vetri di Sicurezza

Sei qui: Home \ Vetri di Sicurezza

Cosa sono

Vetri di sicurezza

Nella moderna architettura, il vetro è onnipresente.

Grazie ad esso tecnica ed estetica trovano un meraviglioso equilibrio ed è del tutto logico che il concetto di sicurezza sia assolutamente inseparabile dal prodotto vetro. Una superficie vetrata deve garantire sicurezza, per evitare rischi di effrazione o di ferite in caso di caduta.

Secondo le normative di sicurezza vigenti, realizziamo:

  •  vetri di sicurezza antinfortunistico
  •  vetri di sicurezza anticaduta nel vuoto
  •  vetri di sicurezza antieffrazione
  •  vetri di sicurezza antiproiettile
  •  vetri di sicurezza tagliafuoco REI

I Vantaggi

I nostri vetri di sicurezza stratificati e temperati sono la soluzione ideale per mettersi al riparo da:

Irruzioni e Furti
Piccoli incidenti domestici
Cadute nel vuoto

Le Tipologie

Vetri di Sicurezza Stratificati

Il vetro stratificato è composto di due o più lastre di vetro assemblate tra loro su tutta la superficie mediante una o più pellicole intercalari, che possono essere PVB o EVA.

Grazie alle varie possibilità di composizione, spessore, numero di componenti, numero di pellicole si possono ottenere vetri stratificati di diversi livelli di sicurezza.

Vetri di Sicurezza Temperati

Il vetro temprato termicamente è un vetro che è stato sottoposto a un trattamento termico che ne aumenta notevolmente la resistenza agli urti e alle variazioni di temperatura, ed in caso di rottura si frantuma in una moltitudine di piccoli frammenti poco taglienti.

Grazie alle sue caratteristiche il vetro temprato è un ottimo vetro di sicurezza, adatto ad una moltitudine di impieghi. Può anche essere stratificato per aumentarne le possibilità di utilizzo.

La Normativa

I vetri di sicurezza corrispondono a delle rigide normative che li classificano in base alla resistenza e ne regolano l’utilizzo. Le norme attualmente in vigore sono:

  • Norma EN12600 per la resistenza all’impatto
  • Norma EN 356 per la resistenza all’effrazione
  • Norma EN 1063 per la resistanza alle armi da fuoco